Cos’è la medicina olistica?

medicina-olistica

Forse in molti ne avrete sentito parlare ma materialmente sono in pochi quelli che sanno cos’è la medicina olistica e forse ancora di meno quelli che hanno avuto modo di provarla. Esistono, infatti, delle scienze mediche “alternative” a quella tradizionale (ad esempio la medicina omeopatica, la medicina chiropratica, quella psicosomatica, l’osteopatia o quelle di stampo orientale), che utilizziamo per curarci tutti i giorni. In Italia si contano circa 5 milioni di persone che avrebbero provato almeno una volta la medicina non convenzionale e tra queste la medicina olistica è stata considerata un approccio diverso ai problemi fisici umani in quanto lavora molto sui fattori biologici, psicologici e spirituali dell’individuo e ponendosi come una delle più interessanti cure mediche che “rifiutano” i farmaci convenzionali.

Per avere chiara un’idea di quello che stiamo dicendo, cerchiamo di capire subito il significato del termine: olistico infatti deriva da una parola greca, Olos, che sta a significare totalità o globalità di qualcosa, che nel caso specifico si riferisce al corpo umano. La medicina olistica si diffonde quindi tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento e si ispira ad un concetto molto preciso, ossia quello di non separare corpo e mente nella cura, credendo fortemente che la malattia sia legata ad un problema dell’anima. Una cura olistica rappresenta il modo in cui medico e paziente entrano in relazione, non prevede l’utilizzo di rimedi naturali per curare i sintomi ma con esercizi psicofisici, punta alla causa del problema che non sempre è esteriore al proprio inconscio.

Si tratta quindi di un atteggiamento che ogni essere umano deve avere nei confronti di se stesso, degli altri, dell’ambiente e si realizza nella fattispecie quanto il medico ed il paziente riescono a ritrovarsi nella stessa lunghezza di pensieri verificando il problema, la sintomatologia, diagnosticandolo e definendo la cura da utilizzare per debellarlo. In generale la medicina olistica non ha molto seguito in tutte le patologie mediche, ma in alcune casistica è molto utilizzata vediamone qualche esempio.

La medicina olistica è molto utilizzata per aiutare coppie che soffrono di problemi di infertilità: mentre infatti la medicina naturale permette di migliorare le possibilità di concepimento naturale e concepimento assistito, quella olistica punta il dito sull’alimentazione (eliminazione dei cibi ad alto contenuto glicemico) e sopratutto dall’unione interiore della coppia che necessita di essere ancora più forte psicologicamente rispetto al normale rapporto quotidiano.

Anche nella cura della pelle si usa moltissimo la medicina olistica, specialmente per curare l’acne, un grosso problema che affligge tantissimi adolescenti. Attraverso la riflessologia plantare si agisce su punti vitali che riducono il problema e grazie all’aiuto di oli essenziali, come quelli alla camomilla e alla lavanda, si riescono ad eliminare molte delle impurità presenti sul viso.

Commenti

Lascia un commento

Your email address will not be published. Name and email are required