Una spiegazione di Estrattori, centrifughe e frullatori

Assumere frutta e verdura è importante per garantire al nostro organismo la giusta quantità di sostanze nutritive, vi consigliamo dunque di consumare questi tipi di alimenti in maniera costante, per mantenere il giusto apporto giornaliero. Se non siete grandi amanti di frutta e verdura, ma non volete rinunciare alle vitamine contenute in questi cibi, potete realizzare magari un buon frullato o un centrifugato fresco. Bere succhi o estratti può diventare piacevole anche per i più piccoli, basta combinare frutta e verdura in maniera equilibrata, così il vostro bambino potrà fare lo spuntino o la merenda senza fare troppe storie.

La tecnologia ha reso possibile l’uso di macchinari innovativi come gli estrattori, i frullatori e le centrifughe in grado di preparare bevande dissetanti, in pochissimi minuti. Capire la differenza tra i vari strumenti, può aiutarvi nella scelta e indirizzarvi verso l’elettrodomestico più adeguato, a seconda del succo da realizzare. Analizziamo insieme le potenzialità e le funzioni per ottenere un ottimo frutto estratto. Intanto consigliamo rotex.net/estrattore-melchioni-succo-estratto.html , un ottimo prodotto per qualità/prezzo

Estrattore

L’ estrattore è la soluzione ideale per assimilare frutta e verdura nell’arco della giornata, in maniera veloce ed equilibrata. Si tratta di un elettrodomestico lento e silenzioso, capace di estrarre un succo di ottima qualità, senza alterare le proprietà nutritive degli alimenti. Con l’estrattore è possibile ottenere una bevanda facilmente digeribile, risparmiando tempo e denaro: potete preparare più porzioni alla volta e ottenere anche quantità maggiori di succo, con il minimo scarto. A differenza della centrifuga, questo strumento lavora a velocità inferiori e può effettuare circa 80/90 giri di rotazione al minuto, contro le migliaia della centrifuga stessa, per questo motivo l’estrazione del succo richiede un’attesa più lunga, di circa 5 – 10 minuti massimo. Leggi tutto “Una spiegazione di Estrattori, centrifughe e frullatori”

Cos’è la medicina olistica?

Forse in molti ne avrete sentito parlare ma materialmente sono in pochi quelli che sanno cos’è la medicina olistica e forse ancora di meno quelli che hanno avuto modo di provarla. Esistono, infatti, delle scienze mediche “alternative” a quella tradizionale (ad esempio la medicina omeopatica, la medicina chiropratica, quella psicosomatica, l’osteopatia o quelle di stampo orientale), che utilizziamo per curarci tutti i giorni. In Italia si contano circa 5 milioni di persone che avrebbero provato almeno una volta la medicina non convenzionale e tra queste la medicina olistica è stata considerata un approccio diverso ai problemi fisici umani in quanto lavora molto sui fattori biologici, psicologici e spirituali dell’individuo e ponendosi come una delle più interessanti cure mediche che “rifiutano” i farmaci convenzionali.

Per avere chiara un’idea di quello che stiamo dicendo, cerchiamo di capire subito il significato del termine: olistico infatti deriva da una parola greca, Olos, che sta a significare totalità o globalità di qualcosa, che nel caso specifico si riferisce al corpo umano. La medicina olistica si diffonde quindi tra la fine dell’ottocento e l’inizio del novecento e si ispira ad un concetto molto preciso, ossia quello di non separare corpo e mente nella cura, credendo fortemente che la malattia sia legata ad un problema dell’anima. Una cura olistica rappresenta il modo in cui medico e paziente entrano in relazione, non prevede l’utilizzo di rimedi naturali per curare i sintomi ma con esercizi psicofisici, punta alla causa del problema che non sempre è esteriore al proprio inconscio.

Si tratta quindi di un atteggiamento che ogni essere umano deve avere nei confronti di se stesso, degli altri, dell’ambiente e si realizza nella fattispecie quanto il medico ed il paziente riescono a ritrovarsi nella stessa lunghezza di pensieri verificando il problema, la sintomatologia, diagnosticandolo e definendo la cura da utilizzare per debellarlo. In generale la medicina olistica non ha molto seguito in tutte le patologie mediche, ma in alcune casistica è molto utilizzata vediamone qualche esempio.

La medicina olistica è molto utilizzata per aiutare coppie che soffrono di problemi di infertilità: mentre infatti la medicina naturale permette di migliorare le possibilità di concepimento naturale e concepimento assistito, quella olistica punta il dito sull’alimentazione (eliminazione dei cibi ad alto contenuto glicemico) e sopratutto dall’unione interiore della coppia che necessita di essere ancora più forte psicologicamente rispetto al normale rapporto quotidiano.

Anche nella cura della pelle si usa moltissimo la medicina olistica, specialmente per curare l’acne, un grosso problema che affligge tantissimi adolescenti. Attraverso la riflessologia plantare si agisce su punti vitali che riducono il problema e grazie all’aiuto di oli essenziali, come quelli alla camomilla e alla lavanda, si riescono ad eliminare molte delle impurità presenti sul viso.

5 cose che non sai sulla dieta mediterranea

La dieta mediterranea, introdotta dal fisiologo statunitense Ancel Keys, è un modello alimentare che si ispira a quelli che nel tempo si sono diffusi in alcuni paesi del bacino mediterraneo in particolare l’Italia, la Grecia e la Spagna negli anni cinquanta del XX secolo. Alla base della dieta mediterranea ci sono alimenti naturali tradizionalmente consumati in questi paesi come ad esempio, cereali, frutta e verdura, olio di oliva, carne, pesce e latticini. Le peculiarità di questa dieta dunque sono in particolare il basso contenuto di grassi saturi (inferiore al 7-8%), ed un apporto totale di grassi da meno del 25 a meno del 35%. Il contenuto calorico della dieta mediterranea non dovrebbe superare le 2500 Kcal per l’uomo e le 2000 Kcal per la donna, e in ogni caso l’introito calorico non andava oltre il consumo metabolico con l’attività fisica.

La dieta mediterranea è considerata a tutt’oggi una delle più diffuse in tutto il mondo e soprattutto una delle più complete in quanto non vi è privazione di particolare alimenti che vengono consumati in quantitativi modesti. Anche per questo motivo è la dieta più indicata per quelle persone che hanno necessità di perdere peso, affiancandola all’attività fisica e ad una vita regolare. Negli ultimi tempi con l’avvento di teorie alimentari più particolari, alcune sue peculiarità sono state messe in discussione (basta pensare alla dieta vegana che esclude tutti gli alimenti di natura alimentare).

Nonostante sia così diffusa, specialmente in Italia, ci sono almeno cinque cose sulla dieta mediterranea che in pochi sanno o comunque che sono state sempre sottovalutate. Vediamole insieme.

Innanzitutto la dieta mediterranea ringiovanirebbe il nostro cervello di ben 5 anni, in quanto rallenterebbe l’atrofia cerebrale, una tipica caratteristica del processo di invecchiamento delle nostre cellule. E non solo: secondo le ricerche effettuate da alcuni scienziati, condotti su un notevole numero di persone, si è scoperto che chi adotta una dieta mediterranea ha mediamente un cervello più grande rispetto al resto della popolazione.

Seconda cosa, chi sfrutta per la propria alimentazione una dieta mediterranea vivrebbe più a lungo: sono tantissimi i risultati scientifici che danno queste dritte che si basano su un principi il quale conferma che mangiando mediterraneo , il rischio di mortalità si riduce drasticamente, proteggendo da malattie cardiovascolari, obesità e diabete.

Terza cosa, la dieta mediterranea fa bene alle mamme e alle future mamme: secondo alcuni studi condotti in Olanda infatti esistono strette correlazioni tra la dieta mediterranea e la fertilità (in parole povere aiuta ad arrivare alla gravidanza) e in ogni caso durante il periodo gestazionale riduce molto i rischi di malattie nel feto e quello di un parto prematuro.

Quarta cosa la dieta mediterranea farebbe bene anche al pianeta: gli alimenti che la compongono hanno un impatto ambientale minimo, dunque nelle loro fasi, dal principio fino al piatto, possono essere considerati “ecologici” e rispettosi dell’ambiente.

Infine chiudiamo confutando l’idea che una dieta mediterranea costi molto in termini economici: facendo delle spese precise ed oculate e sfruttando alimenti di stagione e di qualità, è possibile mangiare bene senza spendere molto.

 

 

Regolare l’insulina con la dieta è possibile?

L’insulina ha un ruolo fondamentale nel nostro corpo: è suo compito infatti quello di regolare il modo in cui il nostro corpo utilizza il cibo che mangiamo per produrre energia. L’insulina infatti viene prodotta dal pancreas ed è proprio grazie all’insulina che le cellule del nostro organismo assorbono il glucosio, un tipo di zucchero che assumiamo mangiando. Leggi tutto “Regolare l’insulina con la dieta è possibile?”

2 Ricette Per Star bene: Spiedini di Tofu e Triglia con Cime di Rapa

Star bene comincia sempre dalla tavola e dalla corretta alimentazione: evitare i cibi grassi e ricchi di zuccheri o i sughi troppo elaborati è importante per una salute migliore, e, proprio per questo, abbiamo pensato di pubblicare su benesseredieta due ricette semplici, genuine, gustose e sopratutto salutari, buona lettura.

Leggi tutto “2 Ricette Per Star bene: Spiedini di Tofu e Triglia con Cime di Rapa”

Benessere donna: consigli al femminile per stare in salute

Specialmente negli ultimi anni è aumentata la necessità di maturare uno stato di benessere che possa far vivere più a lungo e in salute qualsiasi donna, in un mondo ormai reso poco genuino dall’inquinamento  e dallo stile di vita sempre più sedentario che contraddistingue la modernità. In modo particolare per quanto riguarda le donne, da sempre molto interessate alla forma fisica e al benessere in generale, la ricerca dei giusti accorgimenti per vivere in modo equilibrato e sano è una realtà costante.

Nelle righe che seguono andremo a vedere quali sono i migliori consigli per stare in salute pensati appositamente per il mondo femminile.

Vivere in salute, donne: occhio all’alimentazione!

Il primo consiglio che qualsiasi medico o nutrizionista fornirebbe a una donna che ha intenzione di condurre uno stile di vita sano e all’insegna del benessere è sicuramente quello di seguire un piano alimentare bilanciato e pensato appositamente in base alle proprie esigenze e alle caratteristiche fisiche (peso, altezza, età ecc).

Questo fatto spesso porta la propria mente a collegare il “mangiare sano” con l’accezione di “dieta”, e dunque con tutta una serie di restrizioni che il concetto in questione comporta. Tuttavia non c’è nulla di più errato: per raggiungere uno stato di benessere è necessario mangiare bene ma senza rinunce, così che ne possa giovare il fisico ma anche la mente.

Basta cercare su internet per trovare tanti ottimi spunti per creare una regime alimentare femminile personalizzato. Sul sito www.benesseredonnaonline.it è stata recentemente illustrata la dieta del minestrone, una delle principali diete di largo uso nel 2017 che porta risultati evidenti. Secondo quanto riporta Benessere Donna Online non c’è bisogno di fare sacrifici fuori dal normale per dimagrire (che risultano, oltretutto, dannosi per il nostro organismo), basta fare un pochino di movimento e seguire un regime alimentare regolare come, appunto, quello del minestrone.

Minestrone, ovvero tante verdure, oltre alla frutta. Ma non solo, perché il nostro corpo ha bisogno di carburante.

E allora via libera a pasta e pane (preferendo sempre le versioni integrali) sia a pranzo che a cena, olio extravergine d’oliva, frutta secca e altri grassi vegetali (indispensabili per il corretto svolgimento delle le funzioni ormonali femminili), frutta e verdura di stagione e alimenti contenenti proteine ad alto valore biologico come pesce azzurro, salmone, carni bianche, legumi ecc.

Dopo aver preso nota degli alimenti da preferire poi, l’inventiva è d’obbligo: per non rinunciare al gusto è utile solleticare il proprio palato e la propria fantasia creando ricette sempre nuove e gustose, per non annoiarsi mai e sfatare così il mito “sano = noioso e poco gustoso”.
Se siete a corto di idee niente paura: sul web sono presenti una grande quantità di ricette che possono essere d’ispirazione per creare piatti sempre nuovi e soddisfacenti.

In tutto questo poi, in virtù del discorso precedente, non devono assolutamente mancare i momenti di indulgenza, utili al benessere del corpo e della mente: mangiare una pizza con gli amici, concedersi un gelato o il dolce preferito una volta ogni tanto sono tutte cose che permettono di mantenere il benessere e lo stile di vita sano il più a lungo possibile, perché il nostro organismo non si sentirà sottoposto a inutili restrizioni e il metabolismo sarà continuamente stimolato.

Allenarsi per stare in forma: bastano poche ore alla settimana

L’alimentazione per è sicuramente il tassello fondamentale per tutte le donne che vogliono condurre uno stile di vita sano e all’insegna del benessere, tuttavia per stare in salute e aumentare in modo esponenziale la qualità delle proprie giornate e il proprio aspetto fisico, non si può non parlare dell’attività fisica.

Con questa accezione non ci si vuole riferire a estenuanti allenamenti in palestra o a lunghissime ore passate sul tapis roulant a sudare, saranno sufficienti poche ore  alla settimana di allenamento (anche blando) per ottenere i benefici psico-fisici che solo l’attività fisica è capace di propiziare grazie alla liberazione di endorfine e agli effetti positivi che produce sulla silouhette femminile.

Sarà sufficiente fare lunghe passeggiate con il proprio cane, andare a fare un giro in bicicletta, iscriversi a un corso dizumba,yoga o pilates o addirittura praticare divertenti (ma insospettabilmente estenuanti) sessioni di shopping con le proprie amiche, per vedere risultati in poco tempo.

In conclusione: scegliere buone creme anti rughe o anti cellulite, assumere i più disparati integratori o bere miscugli dimagranti sono sicuramente degli ottimi modi per aumentare il proprio livello di benessere, tuttavia tutto questo risulta essere inutile se a sostegno non vi sono un‘alimentazione equilibrata e la giusta attività fisica, binomio capace di far vivere in salute e serenità ogni donna.

Come dimagrire un chilo in un mese senza sacrifici

Specialmente in previsione della bella stagione, il genere femminile entra puntualmente in fermento per cercare di perdere quel fastidioso chilo di troppo accumulato durante l’anno, e allora via alle diete più assurde: dieta del minestrone, della mela, dei mandarini, e tutte le varie diete detox di dubbia provenienza (spesso pericolosamente sbilanciate) che promettono dimagrimenti rapidi e garantiti.
Tuttavia forse non tutte sanno che per dimagrire un chilo in un mese senza sacrifici è sufficiente adottare pochi e semplici accorgimenti che non solo permetteranno di migliorare la propria silouhette, ma anche di aumentare nettamente la propria qualità di vita.

Andiamo dunque a vedere, nelle righe che seguono, com’è possibile dimagrire un chilo in un mese senza troppi sforzi.

Un chilo di troppo? Alimentazione equilibrata e attività fisica è quello che ci vuole

Perdere un chilo in un mese è un’impresa veramente semplice se si adottano alcune abitudini, e ben presto ci si renderà conto che non sarà solo la bilancia a ringraziarvi ma anche il vostro benessere psico-fisico.
Essendo un traguardo semplice da portare a termine in un lasso di tempo adeguato, non sarà necessario stravolgere le proprie abitudini o sottoporsi a estenuanti diete troppo restrittive: sarà sufficiente eliminare i cibi fritti, gli insaccati e gli snack eccessivamente processati e preferire invece cereali integrali, frutta (anche secca), verdura e proteine magre.

Per dimagrire un chilo in un mese non serve fare la fame, anzi: mangiare ogni 2-3 ore è l’ideale per permettere al proprio metabolismo di attivarsi in maniera corretta così da bruciare più calorie anche a “riposo”.
Fondamentale per la perdita di peso è anche l‘attività fisica, che tuttavia non dev’essere intesa come un obbligo: per vedere i grammi calare sulla bilancia basterà fare una lunga passeggiata 2-3 volte a settimana o praticare altri sport leggeri come jogging, pilates, acqua gym o yoga.

Perdere peso in un mese senza problemi: l’idratazione è la chiave

Oltre alle abitudini alimentari in senso stretto, per chi vuole perdere un chilo in un mese senza sacrifici è utile sapere che l’acqua è il miglior alimento che si può assumere per stare in forma.
Spesso infatti, chi necessita di dimagrire non sa che la maggior parte del peso che si legge sulla bilancia è dovuto a un accumulo di liquidi che si può eliminare semplicemente garantendo al proprio organismo la giusta idratazione nel corso della giornata.

Saranno sufficienti 2,5-3 litri di acqua al giorno per purificarsi dalle tossine, drenare i ristagni di liquidi e vedere il proprio fisico asciugarsi in modo graduale e naturale, oltre ovviamente a un sostanziale calo ponderale visibile anche al momento della “pesata”.

Un nuovo blog su Salute e Benessere!

Ti piace navigare in Internet alla ricerca di articoli ed approfondimenti su tutto quello che ruota attorno al mondo di Salute e Benessere? Allora, Salutealnaturale.net fa davvero al caso tuo. Questo blog è stato realizzato per raccogliere approfondimenti su tutto quello che ha a che fare con la Salute ed il Benessere della persona. Solo alcuni esempi di argomenti trattati nel tempo:

  • La chirurgia plastica: sono stati pubblicati dei post su tutti i principali interventi di chirurgia plastica ed estetica in modo tale da rendere il paziente più consapevole prima del contatto con il Chirurgo
  • Sempre in merito alla Chirurgia Plastica ed Estetica, sono stati pubblicati dei post sulla scelta del chirurgo plastico e della clinica sia in Italia che all’estero.
  • E’ possibile leggere delle news su tutto quello che riguarda la scelta del chirurgo della mano (settore poco apprezzato se consideriamo quanto è importante la mano ogni giorno nella vita di una persona).

Il sito ha il termine Naturale nel proprio nome perché dà anche spazio a tutto quello che rientra nella sfera del Naturale e biologico. Alcuni esempi?

  • Indicazioni sui principali prodotti da poter acquistare in erboristeria e sui benefici che apportano
  • soluzioni naturali e biologiche alternative a tanti altri prodotti con un più alto impatto ambientale
  • alimenti sconosciuti ai più ma in costante crescita sul mercato Italiano viste le caratteristiche alimentari migliori rispetto dello stesso tipo ma non “bio”.

Anche una piccola guida agli acquisti potrà essere d’aiuto. Per questa ragione sono presenti descrizioni su prodotti farmaceutici e parafarmaceutici da poter acquistare anche comodamente da casa. Nella maggior parte dei casi si tratta di prodotti di nicchia più difficili da trovare e per i quali è altrettanto complesso recuperare informazioni utili al paziente ed ai familiari del malato. In questo modo, l’acquisto online avverrà in modo consapevole e sereno  senza inutili e spiacevoli sorprese.

Ti piacciono gli articoli su Salute e Benessere?

Anche a me. Per questo ho deciso di realizzare il blog Salutealnaturale.net in cui raccolto news, informazioni utili ed anche qualche curiosità su tutto quello che riguarda Salute e Benessere. L’interesse per questi due argomenti è in costante crescita ed anche io faccio parte di quelli che seguono con piacere programmi televisivi sulla Salute. Leggo anche articoli ed approfondimenti sullo stesso argomento ma ho imparato che le bufale sono davvero tante (troppe).

Per questa ragione ho scelto di dedicare parte del mio tempo libero a questo piccolo ma interessante progetto: è giusto che le notizie utili e corrette abbiano più spazio di tutte le altre. Alle volte, le fonti ufficiali dove pescare informazioni sono noiose e diventa difficile seguirle ma, se ci pensi bene, sono la miglior garanzia che abbiamo che quello che leggiamo è vero.

Vi sono casi in cui, e questo è uno di quelli, in cui bisogna accettare di annoiarsi un po’ per non  rischiare di recuperare delle risposte errate. Il mio blog mira, appunto, a diffondere informazioni corrette ma senza annoiare. Il vero problema di chi cerca online risposte su tutto quello che riguarda il proprio benessere è che molte volte volte lo fa in un momento di bisogno (il timore di poter avere qualche malattia, il non sapere come gestire una situazione ecc.).

Per questa ragione chi sceglie di scrivere su tutto quello che ruota attorno salute e benessere (a partire da consigli utili per la dieta sino a quale sintomatico scegliere per un dolore particolare ed altro ancora, deve farlo con la consapevolezza della propria responsabilità. Invece, in molti mirano a realizzare post sull’argomento curandosi solo dei profitti che possono trarre dal traffico Internet generato dalla notizia pubblicata. E’ per la stessa ragione che vi sono siti Web che diffondono notizie false sulla morte di personaggi famosi.